Powerlifting Italia Forum
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.


Forum ufficiale della FIPL, Federazione Italiana Powerlifting
 
IndiceCercaRegistratiAccedi

 

 Esperienze analoghe alla mia..?

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Apps95



Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 17.08.18

Esperienze analoghe alla mia..? Empty
MessaggioTitolo: Esperienze analoghe alla mia..?   Esperienze analoghe alla mia..? EmptyVen Ago 17, 2018 4:32 pm

Salve a tutti, sono nuovo del forum! E sono anche abbastanza disperato. Non so se sia la sezione adatta, dato che non è quelle delle presentazioni (in tal caso, un moderatore sposti pure nella sezione adeguata) , ma essendoci una domanda alla fine, ed essendo un nuovo arrivato, cercherò di unire l'utile al dilettevole, presentandomi e cercando di essere il più conciso e meno prolisso possibile. Sono un ragazzo di 23 anni, vengo dalla Sicilia. Mi alleno da circa 9 anni. Dapprima per dimagrire, affidandomi all'istruttore che al tempo era presente in palestra; e negli anni per metter su peso di qualità, cominciando a fare le cose da autodidatta. E con autodidatta intendo, applicare ciò di cui mi informavo, dalle chiacchiere da spogliatoio, alle ultime ricerche sul fitness. Negli anni diciamo, ho praticato diverse metodologie, dalle split da "bro", fino all'ultimissima teoria sui punti di contatto. Oggi, oltre ad essere un personal trainer certificato, sono un convito fautore della multifrequenza, in particolar modo la metodologia che prevede l'utilizzo di tecniche del powerlifting associate a quelle più classiche del body building. Azzardo quindi ad usare il termine Power Building, sperando che nessuno mi linci Laughing Laughing . Veniamo alle problematiche principali adesso.. Circa due anni fa (ma anche qualcosa in più), quando ancora le mie tecniche di stacco e squat, erano davvero acerbe e prive di consapevolezza relativa agli schemi motori di tali alzate, durante un allenamento, scherzando con gli amici, presi un bilanciere già montato (circa 20 kg a parte e 12 di bilanciere in sè), e a freddo o quantomeno, senza il riscaldamento adeguato per uno stacco, alzai il bilanciere da terra, facendo partire la spinta, non dalle gambe com'è giusto che sia, bensì dai lombari. Da quel momento l'inferno. Mal di schiena, scosse alle gambe, in particolare la gamba destra. Sciatalgia, perdita di sensibilità alle gambe, e chi più ne ha più ne metta. All'epoca l'osteopata a cui mi rivolsi (dopo circa 3-4 mesi), escluse al 90% la presenza di ernie, in quanto la mia muscolature dorsale era molto sviluppata, oltre che i diversi test che mi fece lui stesso, a detta sua erano tutti negativi. Effettivamente, dopo diverse manovre da lui compiute, e praticando lo stretching impartitomi, nel giro di un mese, i dolori si alleviarono davvero di molto, anche se non scomparvero mai del tutto. Medicinali come l'aspirina mi aiutavano nei giorni in cui il dolore era un po' più forte, e lo stretching faceva il resto. Quindi purtroppo, eliminati dall'allenamento squat e stacchi, ho convissuto serenamente con questo problema, per due anni, concentrando i miei allenamenti prettamente sull'ipertrofia e l'isolamento, data la problematica, ma in multifrequenza ed in buffer. Veniamo a quest'ultimo anno.. Come vi dicevo, oggi sono un personal trainer certificato, e a settembre dell'anno scorso, ho cominciato a lavorare in una palestra della mia città come istruttore di sala. Dopo 9 anni, volente o nolente l'allenamento può farsi monotono. Soprattuto se, e magari qualcuno che per tanti anni si è allenato solo con i monoarticolari, e a catene cinetiche chiuse potrà confermare, NON CI SI PUO' ALLENARE PER TUTTA LA VITA A FURIA DI PRESSA, LEG EX E LEG CURL!! Evil or Very Mad .Così durante l'anno comincio a sperimentare nuovamente stacco e squat e programmazioni per la forza, ma purtroppo c'erano giorni in cui la schiena tirava, e altri no. Lascio stare nuovamente, ma continuo con le programmazioni di forza per gli altri muscoli con ottimi risultati. Essendo io testa dura, verso maggio decido di affidarmi ad un mio amico, anche lui trainer, specializzato nella forza, e spiegatogli la mia problematica e rivisto le esecuzioni, ricomincio con stacco e squat. Ebbene finalmente non avevo alcun tipo di problema, almeno nessuno limitante! I dolori c'erano e non c'erano, ma tutto molto blando e sopportabile. Ultimo mese, metà luglio.. Perdo diversi kg nei mesi arrivando a pesare 76 kg per 1.79 al 7% di bf, partendo da una condizioni di 82/83 kg al 12/13%, insomma volevo asciugare per l'estate e c'ero riuscito, Stavo già ricominciando ad aumentare le calorie, anche perchè ormai le energie in allenamento scarseggiavano. Arriva la settimana dei massimali, settimana intensissima visto le poche calorie, ma la concludo bene; solo che provando lo squat, vedo che c'è qualcosa che non va durante quella che sarà la mia penultima serie, con 118 montati (si sono una pippa, e sono arrivato a 120 di 1rm, ma per me era già tanto, visto il poco tempo). Il giorno dopo la schiena tira un po' ma va tutto bene, ed è sempre tutto sopportabile e blando. Mi prendo la settimana di meritato "relax", quindi allenamento senza programmazione, sotto ordine del mio preparatore. Concludo il venerdi in totale serenità, e vado a dormire. Da li, un calvario immondo. Cominciò dal nulla a svegliarmi di notte con sudorazioni fredde, dolori alla schiena particolarmente forti, che poi sfoceranno in dolori alle ginocchia ed ai piedi. Dolori alle articolazioni delle spalle, avambracci  e mani. Insomma un rottame! Cercherò di risparmiarvi le vicende con i dottori, e le malattie che abbiamo dovuto scongiurare, tra test per le malattie autoimmuni, come l'artrite reumatoide e così via. L'ortopedico sospetta una radicolite, dato che la gamba destra non reagisce al controllo dei riflessi, come la sinistra. Ho fatto una lastra, e risulta effettivamente una riduzione, seppur minima (a detta del mio fisioterapista) delle vertebre L5/S1, oltre ad una lieve scoliosi verso sinistra del rachide lombo-sacrale. A breve farò una risonanza per capire di che tipo di discopatia si tratti. Ad oggi dopo uno stop forzato di circa due settimane i dolori, via via stanno andando, soprattutto quelli relativi alle mani, avambracci, e piedi. Ho ripreso gli allenamenti da una settimana e mezzo, e le cose sembrano andare bene. Ovviamente stacco e squat nuovamente eliminati. Mentre i dolori alla schiena sono tornati quelli di sempre, un giorno si e tre no per intenderci. Dopo questo papiro del quale mi scusa davvero, viene la mia domanda. Il forum ovviamente è incentrato sul powerlifting, e da bravi sollevatori di pesi, voi ghisa ne mangiate a non finire e di infortuni ne saprete più di me. Qualcuno di voi ha dovuto affrontare lo stesso problema? Ci convive serenamente? Cosa ha fatto/fa per risolvere? Ha dovuto cambiare qualcosa in allenamento? Putroppo non conosco direttamente atleti come powelifter, non ho con chi confrontarmi, e vorrei sapere di altre esperienze analoghe alla mia. Conosco i vari regolamenti dei forum, non cerco ovviamente consigli medici! Cerco solo di non "sentirmi solo" in questa sitazione.. Grazie in anticipo a tutti, e scusate ancora per il mappazzone che ho scritto.. Smile
Torna in alto Andare in basso
Doc

Doc

Messaggi : 3129
Data d'iscrizione : 15.09.10
Età : 53
Località : Busto Arsizio (VA)

Esperienze analoghe alla mia..? Empty
MessaggioTitolo: Re: Esperienze analoghe alla mia..?   Esperienze analoghe alla mia..? EmptyVen Ago 17, 2018 7:53 pm

In questo forum siamo rimasti in pochi, però ti rispondo io che sono in contemporanea medico e (pessimo) powerlifter.

1) Innanzitutto deve essere fatta una diagnosi precisa e sicura, anche perchè tu giustamente vuoi poterti allenare anche pesantemente come un 23 enne deve poter fare.
Quindi giusto fare l' RMN ma anche una elettromiografia (per valutare se e dove si trova il danno legato ai nervi) perchè uno può avere una protrusione o addirittura un ernia che però non sono la causa dei suoi disturbi.

2) Mi piacerebbe vedere le tue esecuzioni degli esercizi principali (se ti fai delle riprese e le posti nel forum le vediamo insieme, io metto sempre le mie riprese nel mio diario che tengo in questo forum nella sezione "Diari"), so che tu sei un un personal trainer certificato e io non sono nessuno nel campo dell' allenamento, ma valutare da soli le proprie esecuzioni è molto difficile (Io non mi curo da solo se non stò bene ma chiedo a un collega).

3) Chiedi se infortuni che ne sono stati: io ho un problema da tempo all ileopsoas di sinistra dovuto ad un periodo in cui ho esagerato (Anche un medico di 52 anni può fare stronzate Very Happy ). Oggi risco ad allenarmi senza utilizzare antidolorific solo con una programmazione scrupolosa e esecuzioni studiate con il mio coach, adatte alle mie strane proporzioni e al mio problema lombare dell ileopsoas.
Torna in alto Andare in basso
Apps95



Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 17.08.18

Esperienze analoghe alla mia..? Empty
MessaggioTitolo: Re: Esperienze analoghe alla mia..?   Esperienze analoghe alla mia..? EmptySab Ago 18, 2018 6:05 pm

Doc ha scritto:
In questo forum siamo rimasti in pochi, però ti rispondo io che sono in contemporanea medico e (pessimo) powerlifter.

1) Innanzitutto deve essere fatta una diagnosi precisa e sicura, anche perchè tu giustamente vuoi poterti allenare anche pesantemente come un 23 enne deve poter fare.
Quindi giusto fare l' RMN ma anche una elettromiografia (per valutare se e dove si trova il danno legato ai nervi) perchè uno può avere una protrusione o addirittura un ernia che però non sono la causa dei suoi disturbi.

2) Mi piacerebbe vedere le tue esecuzioni degli esercizi principali (se ti fai delle riprese e le posti nel forum le vediamo insieme, io metto sempre le mie riprese nel mio diario che tengo in questo forum nella sezione "Diari"), so che tu sei un un personal trainer certificato e io non sono nessuno nel campo dell' allenamento, ma valutare da soli le proprie esecuzioni è molto difficile (Io non mi curo da solo se non stò bene ma chiedo a un collega).

3) Chiedi se infortuni che ne sono stati: io ho un problema da tempo all ileopsoas di sinistra dovuto ad un periodo in cui ho esagerato (Anche un medico di 52 anni può fare stronzate Very Happy ). Oggi risco ad allenarmi senza utilizzare antidolorific solo con una programmazione scrupolosa e esecuzioni studiate con il mio coach, adatte alle mie strane proporzioni e al mio problema lombare dell ileopsoas.

Buonasera Doc! La ringrazio intanto per la risposta, a maggior ragione se ormai il forum è poco frequentato. Innanzitutto mi lasci dire che trovare un medico che sia uno sportivo, e per di più un PL, è una manna dal cielo! E tutto ciò che ha scritto, in parte già mi rincuora. Le basti pensare che il mio ortopedico, ancora nemmeno sapeva per quale tipo di problema ero andato a prendere un appuntamento, già mi chiese: "Ma hai mai pensato di cambiare sport?".. Le ernie spuntano anche senza pesi, e qui mi fermo. Comunque io ho cercato di sintetizzare il più possibile ciò che ho riportato nel primo post, ma la mia situazione è leggermente più particolare. Partiamo dal presupposto che già sapevo di avere queste lieve scoliosi, come risulta dalle lastre, già dal 2014. Che poi scoliosi non è, ma ben si "atteggiamento scoliotico dovuto a postura scorretta" certificato da una lastra completa del rachide, dove risultava "slivellamento della linea biclavicolare". Ho fatto diversi controlli in merito a questo problema, dato che i primi anni di palestra, la mia muscolatura tendeva a crescere in maniera asimmetrica, ed in alcuni casi, con diverse lacune, tutte dalla parte sinistra, dato che tendo a portare la spalla sx anteriorizzata e più alta. Col tempo ho imparato a gestire meglio questo problema, e queste "lacune" si sono riempite, quantomeno a livello estetico. Però effettivamente, fatto un esame baropodometrico risultava uno squilibrio di forze, che ricadevano maggiormente a destra. Anni fa portai pure i plantari per 8 mesi con rialzo di 3 mm a destra. Plantari fatti appositamente sul calco dei miei piedi. Ma credo facessero più danno che altro, tant'è che li levai, perchè avvertivo solo mal di schiena durante l'allenamento, e da quel momento in poi, fino ad oggi, ho sempre percepito una leggera differenza d'appoggio, come se avessi la gamba destra più corta. E ad essere franco, credo che tutto queste problematiche, derivino semplicemente da un lievissimo valgismo della gamba destra, del quale mi sono accorto dopo anni, e forse troppo tardi. Detto ciò, ipotizzo che questa problematica mi abbia sempre portato ad avere problemi allo psoas destro, sempre troppo contratto, cosi come il piriforme destro. Tant'è che mi basta fare dello stretching specifico per stare tranquillo per ore. Anche dopo i problemi che sto affrontando in questo periodo. Infatti ll mio stesso fisioterapista, inizialmente sospettava un'infiammazione grave agli erettori spinali, tant'è che anche in questo momento stesso, il dolore è specifico a destra, e lontano dal disco "malato", quasi al fianco. Ma ovviamente ancora nulla di certo, e mai avuto infortunio effettivo, a parte questo. Per quanto riguarda i video delle esecuzioni, dovrei andare a riesumare il mio vecchio cellulare, cambiato "sfortunatamente" settimane fa. In questi giorni vedrò se riesco a riportarlo in vita, dato che tutti i filmati delle mie esecuzioni, stavano li. Detto ciò, la ringrazio vivamente per il tempo speso, e l'interesse. Le augurò una buona serata, ed un buon fine settimana. Smile
Torna in alto Andare in basso
Doc

Doc

Messaggi : 3129
Data d'iscrizione : 15.09.10
Età : 53
Località : Busto Arsizio (VA)

Esperienze analoghe alla mia..? Empty
MessaggioTitolo: Re: Esperienze analoghe alla mia..?   Esperienze analoghe alla mia..? EmptySab Ago 18, 2018 6:59 pm

Innanzitutto nei forum si usa darsi del tu, in fine dei conti siamo tutti appassionati di questo sport, io sono un vecchietto ma molto giovane dentro, se guardi il mio diario vedrai che faccio vaccate come un adolescente .  lol!

Circa la scoliosi (o atteggiamento scoliotico) tieni presente che quasi nessuno è perfettamente simmetrico,se questo dovesse essere un impedimento per il powerlifting non lo farebbe nessuno; metto un video che vale mille parole (vedilo con i sottotitoli):



Ribadisco però che cercare di valutare le scosse che senti e trovarne l' origine (soprattutto escludendo compressioni dei nervi degli arti inferiori) è importante.

Io non voglio fare diagnosi o prescrizioni via internet ma solo dare generici consigli, parla con il tuo medico di famiglia e consigliati con lui.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Esperienze analoghe alla mia..? Empty
MessaggioTitolo: Re: Esperienze analoghe alla mia..?   Esperienze analoghe alla mia..? Empty

Torna in alto Andare in basso
 
Esperienze analoghe alla mia..?
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Powerlifting Italia Forum :: Powerlifting Italia Forum :: Powerlifting Training-
Vai verso: